Apice

Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale

Nato nell’ottobre 2002, Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale), centro funzionale dell’Università degli studi di Milano, è attivo nella conservazione e valorizzazione di fondi bibliografici e archivistici che si incrociano e si confrontano con la storia del ’900 e della sua industria editoriale…..

Scopri di più

News dal centro

AVVISO: In questo periodo di emergenza sanitaria, il Centro Apice è aperto su appuntamento, sia per la biblioteca sia per l'archivio, con i consueti orari dalle 9.00 alle 17.00. Per fissare un appuntamento, scrivere all'indirizzo apice.biblioteca@unimi.it.

  • Opinioni
    10 giugno 2021

    Gio Ponti. Nuvole

    “Cara Lisa, accogli assieme ai tuoi, anche a nome di Mia e di Silvano, le mie più sincere condoglianze per la morte del tuo, grande e straordinario, padre. Gli volevo molto bene, anche per averne ereditato l’amicizia e l’affetto da papà”. Inizia così la lettera, conservata nel Fondo Scheiwiller del Centro Apice, che Vanni Scheiwiller […]

  • Opinioni
    10 giugno 2021

    Gio Ponti. Aria

    Al Centro Apice è conservata la rivista “Aria d’Italia” ideata e pubblicata da Daria Guarnati dal 1939 al 1941 in sette fascicoli con periodicità trimestrale e caratterizzata da un raffinato montaggio di testi e immagini. Ogni numero ha un riferimento stagionale, al quale si aggiunge (salvo per il primo Inverno 1939) un titolo specifico. La […]

  • Newsletter

    Gli archivi e i fondi del Centro Apice offrono continui spunti di ricerca e rappresentano uno strumento aperto alle più diverse connessioni e suggestioni interdisciplinari. A 130 anni dalla nascita dell’architetto e designer Gio Ponti è stato possibile ricordare la sua figura attraverso i materiali documentari dei fondi Scheiwiller, Mucchi e Marengo. Il percorso proposto […]

  • Varie News

      08 giugno 1971: 50 anni fa moriva Arnoldo Mondadori. “Gattone con gli stivali delle sette leghe, anche quando pubblica un romanzo comincia sulla cresta della storia in atto. Le Memorie di Salandra o il Dux di Margherita Sarfatti, l’Opera omnia dannunziana o quella di Sam Benelli, la sua è un’editoria di autorità. Chi volesse far […]