Apice

Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale

Nato nell’ottobre 2002, Apice (Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale), centro funzionale dell’Università degli studi di Milano, è attivo nella conservazione e valorizzazione di fondi bibliografici e archivistici che si incrociano e si confrontano con la storia del ’900 e della sua industria editoriale…..

Scopri di più

News dal centro

Il Centro Apice è aperto su appuntamento dalle 9.00 alle 17.00. Per fissare un appuntamento, scrivere all'indirizzo apice.biblioteca@unimi.it.
Per l'accesso al Centro è necessario indossare un dispositivo di protezione delle vie respiratorie (mascherina almeno di tipo chirurgico).

  • Opinioni

    Nel lontano 1952 Giovanni Papini (Le disgrazie del libro in Italia) tracciava un ritratto del lettore che fa ancora oggi sorridere. Lo ha ricordato, lo scorso mese di luglio, Roberto Saviano, in occasione della cerimonia di consegna degli attestati agli allievi del Corso di Alta formazione in Gestione della libreria della Scuola Librai Italiani. Le […]

  • Convegni e seminari

    A partire dal 2020 il Centro Apice custodisce l’archivio completo dell’attore Nino Besozzi (Milano 1901-Milano 1971) che, articolato in 29 volumi ordinati cronologicamente, permette di studiare attraverso le fonti dirette, documentarie, pubblicistiche e fotografiche, l’intera carriera dell’artista. Il seminario del prossimo 13 ottobre 2022 (via Noto 8, aula K12,  ore 14.30), dal titolo “Nino Besozzi: […]

  • Varie News

    Dall’inizio del terzo millennio il libraio occupa un posto privilegiato nella letteratura e molti sono i romanzi che lo raffigurano, dal Libraio di Kabul nel 2003 a Le libraire de Damas nel 2018, come se le distruzioni di libri perpetrate a Mosul o a Timbuctù dallo Stato islamico (Daesh) o in Afghanistan dai talebani ponessero […]

  • Convegni e seminari

      “Figure proteiformi che da cinquemila anni a questa parte sono sopravvissuti alle catastrofi che avrebbero dovuto provocarne la scomparsa”. È così che Jean-Yves Mollier, professore emerito di storia contemporanea a Parigi, definisce i librai nel saggio Storia dei librai e della libreria dall’antichità ai nostri giorni (Roma, edizioni e/o, 2022, traduzione di Alberto Bracci […]